DICHIARAZIONE FGAS: SCADENZA 31 MAGGIO 2018

Si ricorda che entro il 31 maggio 2018 è necessario provvedere all´invio della dichiarazione ISPRA

Cos´è la dichiarazione ISPRA?
La Dichiarazione F-Gas è una comunicazione annuale obbligatoria richiesta dal DPR 43/2012 art.16 comma 1, contenente informazioni riguardanti la quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati per le apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento, pompe di calore ed impianti fissi antincendio con una carica di refrigerante pari o superiore alle soglie definite dalla normativa.

Tale dichiarazione deve essere inoltrata all´ISPRA, attraverso il portale Sinanet entro il 31 maggio di ogni anno.

Chi deve fare e trasmettere la dichiarazione?

L’obbligo di trasmissione della Dichiarazione F-Gas è a carico dell’operatore, per tale intendendosi la persona o società che abbia l’effettivo controllo sul funzionamento tecnico delle apparecchiature o degli impianti. Pertanto nella maggioranza dei casi il proprietario dell’apparecchiatura o dell’impianto è l’operatore che può quindi formalmente delegare ad una persona o Società esterna (tramite un contratto scritto) l’effettivo controllo dell’apparecchiatura o del sistema: la trasmissione dei dati contenuti nella dichiarazione deve essere fatta dalla società suddetta, in quanto operatore (quindi nell’anagrafica relativa all’operatore compariranno i dati della persona o Società delegata).
Il proprietario, pur rimanendo Operatore può delegare (delega scritta) ad una terza persona o Società la compilazione della dichiarazione: in questo caso, nell’anagrafica relativa all’operatore dovranno essere riportati i dati del proprietario, mentre i dati della persona o Società che si è fatta carico della compilazione della dichiarazione saranno riportati alla voce ‘Persona di riferimentoo’.

Esistono sanzioni per il mancato invio?
Secondo l´art. 1 comma 6 del dlgs 26/2013, la mancata ottemperanza all´obbligo di comunicazione comporta una sanzione da 1.000 euro a 10.000 euro.

E´ opportuno ricordare che l´entrata in vigore del nuovo Regolamento UE n.517/2014 non ha modificato struttura, criteri e contenuti della dichiarazione F-Gas e dunque non viene applicata, ai fini della Dichiarazione F-Gas la nuova unità di misura espressa in CO2 equivalenti.

Per quanto riguarda invece il controllo delle perdite e la tenuta del Registro dell’apparecchiatura, ricordiamo che dal 1 gennaio 2017 è entrata pienamente in vigore la parte del Regolamento Europeo numero 517/2014 sugli F-gas ad effetto serra.

 

Si precisa che il Reg. UE ha introdotto un nuovo parametro, considerando l’impatto ambientale espresso in tonnellate di CO2 equivalente (valore da determinare e variabile in base al tipo di F-gas considerato).

Pertanto, dal 1 gennaio 2017 il limite non è più espresso in Kg di gas contenuto, ma in tonnellate di CO2 equivalenti e l’obbligo di verifica scatterà per le apparecchiature contenenti gas fluorurati a effetto serra in quantità pari o superiori a 5 tonnellate di CO2 equivalenti, 10 tonnellate se ermeticamente sigillate ed etichettate come tali, non più per il peso di F-gas contenuto effettivamente.

 
Norme di riferimento:

  • DPR 43/2012
  • D.lgs 26/2013
  • Regolamento UE n.517/2014

    Informazioni utili:
    www.fgas.it
    www.sinanet.isprambiente.it/it/sia-ispra/fgas